Patologie Spalla

Instabilità di Spalla

                                                

 Il dolore di spalla in un paziente giovane e sportivo può essere dovuto ad un problema di instabilità di spalla.

Cos’è l’Instabilità di Spalla?

L’articolazione della spalla ha un’ampia libertà di muoversi nello spazio, permettendoci di fare gesti sportivi come giocare a tennis o pallavolo. Per permetterci tutto questo la spalla è un’articolazione più libera rispetto ad altre articolazioni. A seguito di traumi (ad esempio caduta dagli sci), piccoli traumi ripetuti nel tempo (ad esempio servire a tennis), o per predisposizione familiare, la spalla diventa troppo lassa e fuoriesce dalla sua sede. Questo evento si chiama lussazione di spalla se la spalla fuoriesce completamente o sub-lussazione se fuoriesce solo in parte. Una spalla che si lussa o sub-lussa viene definita INSTABILE. 

 

Come si fa la diagnosi?

 La diagnosi di una instabilità di spalla si basa sull’esame obiettivo e sulle indagini strumentali.  SINTOMI più frequenti sono: dolore alla spalla  durante l’attività sportiva, sensazione di fuoriuscita della spalla, lussazione a seguito di movimenti banali. 

 

Lesioni associate

Un’importante fase nell’iter diagnostico è ricercare eventuali lesioni delle strutture anatomiche della spalla.Durante la lussazione si possono verificare alcune particolari fratture ossee, dette da «impatto», o lesioni delle strutture capsulo-legamentose deputate a stabilizzare la spalla. Una delle strutture più frequentemente interessate è il cercine, una struttura che, come una guarnizione, impedisce che la spalla si lussi o sublussi.

 

Esame obiettivo

Durante l’esame obiettivo il medico muove il braccio in diverse direzioni per valutare la libertà di movimento.  Alcuni test specifici vengono inoltre eseguiti per valutare la forza del paziente e per capire meglio l’origine e la severità del problema.

 

Il medico spesso ritiene utile richiedere degli accertamenti diagnostici: 

RX: Importante per evidenziare le fratture da impatto dell’omero o le fratture della glena (parte della scapolo con cui si articola l’omero).

Risonanza Magnetica Nucleare: Questo esame può essere richiesto dallo specialista ortopedico per avere dettagli sulla lesione del cercine. Può essere richiesta senza o con mezzo di contrasto (ARTRO-RMN).

TC: Lo studio viene richiesto per avere dettagli sull’estensione della frattura da impatto.

                                                                           

Come si cura?

Il trattamento dell’instabilità di spalla è diverso se consideriamo l’evento acuto traumatico (lussazione di spalla) o la fase cronica (sublussazione, lussazione recidivante).

Lussazione di spalla:  la spalla viene ridotta, cioè riposizionata nella sua corretta posizione ed immobilizzata con un bendaggio o tutore.Esistono in commercio diversi tipi di tutori di spalla. Nessuno è nettamente migliore di altri. L’importante è che sia confortevole ed eviti i movimenti della spalla. Il tutore viene mantenuto per circa 2-3 settimane, anche durante la notte.

Instabilità cronica: durante questa fase il trattamento principale è la fisioterapia. Il fisioterapista farà eseguire al paziente esercizi per migliorare il controllo della spalla e rinforzare i muscoli che evitano che la spalla si lussi o sub-lussi. 

Trattamento chirurgico

Se il dolore alla spalla o la sensazione di fuoriuscita della spalla continuano a limitare l’attività quotidiana e sportiva nonostante un corretto programma di riabilitazione, l’ortopedico può dare indicazione chirurgica.Il tipo di intervento proposto dipende da diversi elementi compresi: età del paziente, tipo di attività sportiva, presenza di fratture da impatto. Si praticano comunemente due tipi di interventi chirurgici: 1) intervento di stabilizzazione artroscopica; 2) intervento di stabilizzazione non artroscopica o di «Bristow-Latarjet». 

Artroscopia di spalla:  mediante piccole incisioni cutanee l’ortopedico introduce una telecamera all’interno dell’articolazione ed utilizzando strumenti dedicati esegue una riparazione del cercine e dei legamenti.       

 

Intervento secondo Bristow-Latarjet:

Facendo un’incisione cutanea di circa 6-8 cm si esegue una trasposizione della coracoide sulla glena. Lo spostamento della coracoide con i muscoli annessi limitano la sublussazione e la lussazione della spalla.   

Entrambi gli interventi sono eseguiti  più frequentemente in anestesia generale.  Il paziente entra la mattina dell’intervento  e rimane ricoverato per una notte.  Il giorno dopo, salvo imprevisti,  viene dimesso con tutte le indicazioni per  le cure  successive.

Dopo la dimissione, il paziente viene seguito in ambulatorio per le medicazioni e la rimozione dei punti. La fisioterapia post-operatoria è un tempo terapeutico fondamentale per la ripresa funzionale. La durata del recupero post-operatorio è variabile. In genere il paziente ritorna alle normali attività di tutti i giorni e sportiva tra i 3 ed i 6 mesi dopo l’intervento.

 

Fillippo Castoldi Prof.
Fillippo Castoldi
Marco Assom Dott.
Marco Assom
Antonio Marmotti Dott.
Antonio Marmotti
Roberto Rossi Prof.
Roberto Rossi
Matteo Bruzzone Dott.
Matteo Bruzzone
Davide Blonna Dott.
Davide Blonna

Torna alla lista della patologie

ULTIME NEWS Vedi tutti

Cadaver Lab II edizione

Ultimi posti disponibili per la II ed. del cadaver lab ...
23 agosto 2016

Corso Con Cad Lab per Fisiatri, Fisioterapisti, Medici dello Sport

Si è concluso il primo corso integrato con Cadaver Lab ...
02 luglio 2015

Primary Total Hip Replacement

Il gruppo Chirurgica dell'Anca ha pubblicato questo nuovo libro ...
29 marzo 2015
EVENTI
thumb

06 settembre 2016 - Torino & Nizza (Francia)

Webinar-Cadaver Lab II ed.

6-7-8 SETTEMBRE 2016 - Ecco finalmente il programma della seconda edizione del Cadaver Lab per Fisioterapisti, Fisiatri e medici dello sport. Quest'anno sono state introdotte gustose novità. Prima fra tutti l'ampliamento del corso alla chirurgia e riabilitazione del ginocchio e della caviglia. Rimangono invariati gli obiettivi del corso: fornire un corso innovativo al personale sanitario che normalmente non può accedere a corsi su cadavere. Rimane inoltre invariata la nostra volontà a fornire il top dell'educazione al minimo prezzo, in modo che il corso risulti allettante anche agli studenti. Proprio per ridurre il prezzo al minimo, forti delle opinioni espresse dai partecipante in occasione della prima edizione, abbiamo concentrato la parte pratica su cadavere tutto in una giornata. Altra innovazione importante, quest'anno la parte teorica sarà sviluppata sotto forma di Webinar (6-7-8 Settembre). Accorrete numerosi!!!
thumb

07 settembre 2016 - Torino & Nizza (Francia)

Cadaver Lab II edizione

GIOVEDI 15 SETTEMBRE 2016 - Ecco finalmente il programma della seconda edizione del Cadaver Lab per Fisioterapisti, Fisiatri e medici dello sport. Quest'anno sono state introdotte gustose novità. Prima fra tutti l'ampliamento del corso alla chirurgia e riabilitazione del ginocchio e della caviglia. Rimangono invariati gli obiettivi del corso: fornire un corso innovativo al personale sanitario che normalmente non può accedere a corsi su cadavere. Rimane inoltre invariata la nostra volontà a fornire il top dell'educazione al minimo prezzo, in modo che il corso risulti allettante anche agli studenti. Proprio per ridurre il prezzo al minimo, forti delle opinioni espresse dai partecipante in occasione della prima edizione, abbiamo concentrato la parte pratica su cadavere tutto in una giornata. Altra innovazione importante, quest'anno la parte teorica sarà sviluppata sotto forma di Webinar (6-7-8 Settembre). Accorrete numerosi!!!
thumb

03 giugno 2015 - Torino

Primo Cadaver Lab per Fisioterapisti, Fisiatri, Medici dello Sport, Massofisioterapisti

Con grande piacere il nostro gruppo Spalla e Gomito sta organizzando il primo corso integrato con Cadaver Lab per professioni non chirurgiche, inclusi Fisioterapisti, Fisiatri, Medici dello Sport e Massofisioterapisti. Iscrivetevi numerosi. Il corso prevede 3 incontri teorici sulla patologia della spalla e del gomito, ed un cadaver lab sull'anatomia funzionale della spalla e del gomito. La parte di chirurgia e anatomia sarà diretta dal dott Davide Blonna. La parte di riabilitazione dal dott Daniele Morfino Sono previsti crediti ECM Per informazioni segreteria@formazione-sanitaria.it davide.blonna@virgilio.it